VIDEO" /> VIDEO"> Placido: 'Costretto a tornare a Catania'
Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 23 novembre 2017

Pubblicato: 31/10/2017

Placido: 'Costretto a tornare a Catania'

Con Pirandello la rinascita del Teatro Stabile. La promessa del regista: "Verrò anche l'anno prossimo". VIDEO

CATANIA - Tutto esaurito a ogni rappresentazione. E la promessa che lo spettacolo sarà ripreso il prossimo anno. Michele Placido lo dice quando, nella doppia veste di regista e protagonista, esce a salutare il pubblico entusiasta che riempie la sala. Il Teatro Stabile di Catania ricomincia da “Sei personaggi in cerca d’autore”, il nuovo spettacolo con il quale ha inaugurato la sua sessantesima stagione nella storica sala Verga.

Un grande successo che segna il definitivo superamento dell’impasse gestionale e finanziaria che negli ultimi anni ha attanagliato l’ente. Una rinascita nel segno di Pirandello e del suo centocinquantenario. 

"Mettere in scena Sei personaggi in cerca d’autore rappresenta per me l’appuntamento non scritto con uno scrittore che è stato una presenza costante nel mio percorso umano, prima ancora che professionale - spiega Placido -. Mi trovo ora con l’enorme opportunità di potermi esprimere su un testo che è il più straordinario del drammaturgo di Girgenti, il più rivoluzionario, ma sicuramente nasconde in sé numerose insidie. E' la mia passione per tutto quello che è pirandelliano che mi ha portato ad accettare la sfida". 

"Il Teatro Stabile di Catania - sottolinea ancora Placido - ha un retaggio che tutti conosciamo, importante per il percorso compiuto negli anni, punto di riferimento non solo del teatro siciliano ma anche nazionale, con grandissimi spettacoli e attori. Accanto a me in Sei personaggi tutti attori siciliani, per lo più catanesi, ai quali mi sento molto vicino perché hanno qualcosa che riflette con forza il pensiero pirandelliano, sono umoristici, sottili, intelligenti, hanno la pasta giusta per dare vita alla mia idea di messa in scena".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.