Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 24 novembre 2017

Pubblicato: 21/10/2017

Catania, scovati in viale Moncada

Zio e nipote erano stati arrestati nell'operazione antidroga Colomba del 2014: erano entrambi evasi dai domiciliari

CATANIA - Giovanni Crisafulli, di 30 anni, e lo zio Filippo Crisafulli, di 55, sono stati arrestati dalla squadra mobile della polizia di Stato di Catania in esecuzione di ordini di carcerazione emessi dalla Procura Generale.

Il primo deve espiare 12 anni e 4 mesi di reclusione e il secondo 9 anni di reclusione dopo la condanna, emessa il 23 settembre del 2016 dalla Corte d'appello, divenuta esecutiva in seguito alla pronuncia della Corte di Cassazione, perché ritenuti colpevoli di associazione per delinquere, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti.

Giovanni Crisafulli, era evaso il 26 luglio scorso da una comunità dove agli arresti domiciliari e alla quale non aveva fatto ritorno dopo un permesso di alcuni giorni, e lo zio Filippo Crisafulli, era anche lui evaso dagli arresti domiciliari nel mese di settembre. Sono stati rintracciati da personale della Squadra Mobile all'interno di un'abitazione di viale Moncada a Catania.

I due erano stati arrestati dalla Squadra Mobile il 21 gennaio del 2014, nell'ambito dell'operazione "Colomba", in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Catania nei confronti di 48 indagati in un'inchiesta antidroga. I due Crisafulli sono stati condotti nel carcere di Bicocca.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.