Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 24 novembre 2017

Pubblicato: 19/10/2017

Vulcano, anno scolastico mai iniziato

Protestano genitori e alunni che si rifiutano di fare lezione in un'unica aula per prima, seconda e terza media. Le famiglie minacciano lo "sciopero del voto"

LIPARI (MESSINA) - Protestano dal giorno d'apertura dell'anno scolastico, il 14 settembre, e si rifiutano di fare lezione in 21 in una piccola aula, dove avrebbero dovuto convivere i ragazzi di prima, seconda e terza media.

Accade nell'isola di Vulcano, nelle Eolie. Dall'11 ottobre, invece di restare a casa, i ragazzi presidiano ogni giorno il plesso di località Piano: si sdraino a terra e studiano sui libri di testo, già logori ma mai aperti sui banchi di scuola.

La protesta è contro il provvedimento ministeriale che assegna un'unica aula per tutti gli studenti della scuola.

"L'isola - dice Carlo Chiofalo, genitore di uno dei ragazzi - è anche a rischio vulcanico, come si evince dal nome. Non si dovrebbero adottare criteri corretti anche soltanto dal punto di vista della sicurezza?".

I genitori, che da un mese dedicano parte della loro giornata a riunirsi e a scrivere ora al ministero dell'Istruzione ora alla Presidenza della Repubblica, hanno annunciato che per le elezioni regionali del prossimo 5 novembre, non andranno a votare.

Hanno anche registrato un video, inviato ai palazzi del governo a Roma e a Palermo, nel quale spiegano le ragioni per cui non si recheranno alle urne, già poco frequentate dai siciliani se si considera che alle scorse regionali l'affluenza si è fermata al 47,4% degli aventi diritto.

Se nella frazione di Vulcano l'anno scolastico non è mai cominciato, nel Comune di Lipari, nell'Istituto di indirizzo turistico l'attività va a singhiozzo, tra una protesta e l'altra di genitori e studenti, che anche lì contestano la decisione di collocare 43 ragazzi in un'unica aula, un po' più grande rispetto a quella di Vulcano, ma pur sempre piccola per ospitare quel numero di adolescenti.

Situazione non rosea anche nelle isole minori: a Panarea, Alicudi e Filicudi c'è malumore per la scarsa presenza di insegnanti nei Cpe (Centri preparazione esami). Non tutti idocenti, infatti, sono stati nominati e di conseguenza le lezioni si svolgono non regolarmente.

Disagio moltiplicato dal non infrequente stop degli aliscafi a causa della cattive condizioni del mare e delle difficoltà d'approdo.

A Filicudi è anche accaduto che l'unica docente presente in sede si è ammalata senza essere sostituita; a vigilare sui ragazzi era rimasta solamente la bidella.

Le uniche isole delle Eolie dove il nuovo anno è partito con il piede giusto sono Salina e Stromboli.

Il sindaco di Lipari Marco Giorgianni ha preso carta e penna e ha scritto al premier Paolo Gentiloni e alla ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli per richiedere "una deroga per le isole minori che permetta la nomina di tutti i docenti e assicuri adeguati livelli di istruzione.

Se non saranno date risposte concrete, l'amministrazione comunale procederà a denunce: "qui si nega il diritto allo studio".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.