Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 24 novembre 2017

"L'Osce non monitora le elezioni locali"

Arriva il no del ministro Minniti alla richiesta del M5s per le regionali del 5 novembre: "Ci sono altri strumenti a presidio della correttezza del voto"
minniti

ROMA - Arriva il no del ministro dell'Interno, Marco Minniti, all'interrogazione del M5s che chiedeva l'osservazione dell'Osce per le prossime elezioni regionali in Sicilia.

"L'Ufficio dell'Osce per le istituzioni democratiche e i diritti umani osserva le elezioni in tutti i 57 Stati partecipanti, per valutare in quale misura i processi elettorali rispettino le libertà fondamentali e siano improntati all'uguaglianza, all'universalità, a pluralismo politico, alla fiducia, alla trasparenza e alla responsabilità - spiega Minniti -. Le missioni vengono solitamente predisposte in occasione dei maggiori appuntamenti elettorali parlamentari o presidenziali e non per le elezioni di livello locale". 

"I prefetti delle province siciliane - rileva Minniti - hanno già fornito assicurazione alla Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie, anche in relazione alle criticità dalla stessa rilevate, circa la piena collaborazione nel proseguo dell'attività di approfondito monitoraggio, volto a evidenziare situazioni ostative riferibili ai candidati, nonché per lo svolgimento della campagna elettorale in vista del voto, ferma restando l'attività delle forze dell'ordine, a garanzia dell'ordinato svolgimento delle operazioni elettorali".

Il ministro ricorda poi che la Regione Sicilia "provvede con propria disciplina sia a definire il sistema e il procedimento elettorale che a organizzare in concreto lo svolgimento delle consultazioni", ma "l'ordinamento nazionale prevede, in ogni caso, strumenti a presidio della regolarità e correttezza di tutte le consultazioni nazionali, regionali e locali. Mi riferisco in particolare alle misure previste dal decreto legislativo n. 235, concernente le disposizioni in materia di incandidabilità e di divieto di ricoprire cariche elettive e di governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi".

"Si tratta - conclude - di misure che mirano ad assicurare l'esclusione dalla competizione elettorale ovvero dall'esercizio delle funzioni pubbliche elettive successivamente alle elezioni, di soggetti che, per vicende connesse a procedimenti penali definiti, non possono ritenersi degni di fiducia popolare".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.