Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 23 ottobre 2017

Stop alla demolizione di case abusive
indagato sindaco Palma di Montechiaro

Stefano Castellino avrebbe fermato le ruspe nonostante i "solleciti" ricevuti. Il 18 ottobre dovrÓ comparire in Procura

PALMA DI MONTECHIARO (AGRIGENTO) - Il sindaco di Palma di Montechiaro (Ag), Stefano Castellino, è stato iscritto nel registro degli indagati per non aver proseguito le demolizioni degli immobili abusivi.

E non lo ha fatto nonostante i "solleciti" ricevuti. Uno "stop" improvviso che è arrivato dopo che il commissario straordinario Antonino La Mattina, prevedendo 275 mila euro in bilancio, aveva avviato l'iter.

Castellino è indagato per le ipotesi di reato di falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, rifiuto di atti d'ufficio e abuso d'ufficio.

I carabinieri gli hanno notificato, al palazzo città di Palma di Montechiaro, un avviso a comparire in Procura.

E l'interrogatorio si terrà giorno 18. Castellino è stato eletto lo scorso giugno. Ha preso il posto del dimissionario Pasquale Amato. Fra le dimissioni di Amato e la nuova tornata elettorale, c'è stata l'amministrazione del commissario straordinario La Mattina.

Castellino, pochi giorni dopo l'insediamento, ha "stoppato" tutte le scelte che potevano avere ripercussioni sul bilancio del Comune. E fra queste anche le demolizioni.

Poco dopo il sindaco annunciò d'aver dato mandato all'ufficio tecnico comunale per redigere un regolamento per l'utilizzo degli immobili abusivi già acquisiti al patrimonio del Comune.

Fra le ipotesi ventilate anche quella di far pagare una pigione agli ormai ex proprietari degli stabili costruiti in maniera illegale.

Il 20 giugno scorso forte e chiaro era stato il richiamo del procuratore capo Luigi Patronaggio: "La legge va applicata, e nel caso di abusi edilizia 150 metri dalla costa, con procedimenti arrivati a sentenza definitiva, l'unica cosa possibile è la demolizione. Altrimenti è omissione di atti d'ufficio".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.