Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 18 novembre 2017

Gela: anziana uccisa dal figlio
massacrata con un ventilatore

Per il medico legale la morte di Nunzia Minardi Ŕ avvenuta tra atroci sofferenze. L'autore del folle gesto, Giuseppe Di Dio, di 54 anni, resta in carcere in attesa di essere interrogato

GELA (CALTANISSETTA) - E' avvenuta al termine di un'atroce sofferenza la morte di Nunzia Minardi, la 75enne pensionata di Gela uccisa, martedì scorso, dal figlio, Giuseppe Di Dio, di 54 anni, in preda a un raptus omicida.

L'autopsia, eseguita dal medico legale, Giuseppe Iuvara, ha permesso di accertare che la donna è stata aggredita e buttata a terra, quindi colpita più volte alla bocca con un ventilatore che le ha fatto perdere i denti (trovati sul pavimento della casa di via Livorno) e causato una violenta emorragia nel cavo orale.

La forzata posizione supina dell'anziana che non riusciva ad alzarsi e il sangue che le affluiva a fiotti nella gola le avrebbero causato il soffocamento che, nel giro di tre-quattro minuti l'ha portata alla morte.

Il rapporto del medico legale sarà consegnato con tutti i suoi dettagli entro 90 giorni.

Giuseppe Di Dio resta in carcere, in attesa di essere interrogato dai magistrati. Deve spiegare i motivi che lo hanno indotto a uccidere la madre e a tentare di ammazzare il padre, Emanuele, di 84 anni, che i medici hanno dimesso dall'ospedale con una prognosi di 40 giorni avendo riportato nell'aggressione la frattura della scapola sinistra e delle ferite lacero contuse alla testa.

Per le strutture di psichiatria che l'avevano avuto in cura, Giuseppe Di Dio non era da considerare pericoloso.

I vicini invece raccontano che le liti in famiglia avvenivano frequentemente perché lui chiedeva sempre soldi e in particolare nei primi giorni del mese, quando i suoi genitori incassavano la pensione.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.