Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 18 novembre 2017

Pubblicato: 24/09/2017

Carrefour, salvi 400 posti di lavoro

Intesa tra azienda e sindacati: scongiurati i licenziamenti a Palermo e a Trapani

PALERMO - "Dopo mesi di trattativa è stata siglata l'ipotesi di accordo aziendale tra le organizzazioni sindacali e la Ica Market, la società che nell'ottobre del 2015 ha rilevato la rete vendita di Palermo e Trapani da Carrefour, mantenendone l'insegna. Con l'ipotesi di accordo aziendale si conferma l'importanza della contrattazione di II livello anche in una terra come la nostra nella quale, per lo più, si stipulano accordi difensivi che richiedono solo sacrifici ai lavoratori pur di scongiurare i licenziamenti". Mimma Calabrò, segretario regionale Fisascat Cisl Sicilia, conferma l'intesa per salvare 400 posti di lavoro.

"Motivo di soddisfazione per avere raggiunto un accordo con una impresa siciliana alla quale abbiamo trasferito il valore del welfare, garantendo condizioni di migliori per i lavoratori a differenza dei colossi multinazionali che, spesso e unilateralmente, disdettano i contratti integrativi aziendali o, nei peggiori casi, lasciano la Sicilia delocalizzando le proprie attività - aggiunge Calabrò -. Si regolamenta l'utilizzo della banca ore e dell'orario di lavoro con particolare riguardo ai cosiddetti 'turni spezzati'; si tende a facilitare l'ingresso nel mondo del lavoro dei giovani sia con il ricorso all'apprendistato e all'alternanza scuola. Nei prossimi giorni indiremo l'assemblea generale di lavoratori in modo che, esprimendosi, l'ipotesi possa diventare accordo".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.