Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 24 novembre 2017

Pubblicato: 22/09/2017

Rientro a Mazara senza il peschereccio

L'equipaggio della barca sequestrata tornerà in Sicilia, mentre la "Anna Madre" rimane in Tunisia

MAZARA DEL VALLO (TRAPANI) - Tornerà in Italia, ma senza barca, l'equipaggio del peschereccio mazarese Anna Madre sequestrato una settimana fa in acque internazionali da militari tunisini. Lo conferma uno degli armatori, Giampiero Giacalone.

"Considerato che la vicenda - dice - è ancora in attesa di sviluppi, i marittimi hanno deciso di rientrare. Nell'attesa del dissequestro il peschereccio rimarrà al porto di Sfax". L'armatore aggiunge anche che l'ammenda comminata dalla Commissione tunisina per il rilascio del motopesca non ammonta a 50 mila euro, ma a 69 mila.

"E' dal documento in arabo che è stato consegnato al comandante dell'Anna Madre, Giacomo Giacalone - conclude l'armatore -, che abbiamo capito qual è la somma richiesta. Nel documento si parla di 200 mila dinari, pari a 69 mila euro".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.