Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdý, 20 ottobre 2017

Fallito accordo M5s-Giulivi, blog non pubblica sentenza


ROMA - E' fallito anche l'ultimo tentativo di mediazione tra il M5s e Mauro Giulivi, l'esponente pentastellato siciliano che ha ottenuto dal Tribunale di Palermo la sospensione delle primarie per l'individuazione del candidato M5s per la Presidenza della Regione. Intanto, però, tarda ad arrivare la pubblicazione sul blog di Beppe Grillo del dispositivo della sentenza come chiesto dal giudice: una mancata ottemperanza che, nel caso dovesse proseguire, potrebbe indurre il Tribunale a confermare il provvedimento di sospensione della validità e gli effetti delle "regionarie" siciliane.

A quanto risulta, dopo il rifiuto del M5s di raggiungere un accordo con il ricorrente prima della sentenza del giudice, i 5 Stelle avrebbero tentato di stringere un accordo dopo il decreto di sospensione delle regionarie. Il tentativo di conciliazione si basava sulla proposta di rifare le 'primarie' sia per la scelta della squadra sia per la successiva individuazione del candidato presidente.

Queste primarie si erano svolte, rispettivamente, il 4 e il 9 luglio scorso. Il M5s, tuttavia, avrebbe rifiutato il tentativo di accordo (nel timore che altri candidati esclusi avrebbero potuto comunque ricorrere) prima della sentenza del giudice, salvo poi riproporlo subito dopo la decisione del Tribunale. A quel punto, Giulivi, avrebbe quindi rifiutato il tentativo di conciliazione, avendo dalla sua un primo pronunciamento favorevole al suo ricorso.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.