Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 21 novembre 2017

Pubblicato: 13/09/2017

"Nessuno ci impedirÓ di presentarci"

Verso le regionali. Di Maio (M5s) replica "agli amici della contentezza": "Pensano di fermarci con un ricorso da azzeccagarbugli". Cancelleri: "Rimango il candidato alla presidenza"

ROMA - "Giancarlo Cancelleri è il nostro candidato alla Presidenza della Regione. Come tutti gli altri candidati scelti con le regionarie. Dicono che abbiamo sospeso il tour in Sicilia e che Giancarlo sia stato 'congelato'. Macchè!".

Il vicepresidente M5s della Camera Luigi Di Maio in un post rilancia "un'altra giornata di incontri in Sicilia con Sindaci, categorie, imprese e persone che ci chiedono aiuto" per promuovere la candidatura di Cancelleri.

"Qualche 'nemico della contentezza', come si dice qui in Sicilia, pensa di fermarci con un ricorso da azzeccagarbugli. Ma non hanno capito di che pasta siamo fatti. Questa occasione servirà per far conoscere ancora di più Giancarlo e il programma del Movimento 5 Stelle" avverte Di Maio.

"Mi piace molto il termine siciliano 'nemici della contentezza'. Ecco, c'è sempre qualche nemico della contentezza che vuole fare ricorso, ma Giancarlo Cancelleri è, e rimane, il nostro candidato alla presidenza della Regione siciliana. Il giudice farà le sue valutazioni ma niente e nessuno potrà impedirci di presentarci alle elezioni regionali", ha aggiunto.

Anche Giancarlo Cancelleri tira dritto per la sua strada. "Sono e rimango il candidato del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione siciliana". Riferendosi al militante che ha presentato il ricorso accolto dal Tribunale, Cancelleri ha aggiunto: "Una persona che non vuole firmare il codice di comportamento che è alla base delle nostre regole, non vedo perche dovrebbe avere il diritto di candidarsi".

"Siamo l'unico partito ad aver fatto le primarie e a dotarci di un codice etico, se qualcuno non vuole stare alle nostre regole è giusto che stia fuori", ha proseguito Cancelleri. "Il M5s è nato per non diventare un partito - ha concluso - Molti di questi ricorsi azzeccagarbugli che ci piovono contro nascono dal fatto che le regole che ci siamo dati impongono di essere incensurati e di sottoscrivere il nostro codice etico".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.