Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 21 novembre 2017

Pubblicato: 13/09/2017

S. Giovanni Galermo come Venezia

Strade ridotte a canali e viabilità in ginocchio. Il consigliere comunale: "Sono bastate poche ore di pioggia"

CATANIA - "Sono bastate le poche ore di pioggia dei giorni scorsi per mettere in ginocchio la viabilità a San Giovanni Galermo e rendere quasi completamente impraticabili intere strade. Via Barriera, via Acquario, via Villa Flaminia e molte altre arterie ancora ridotte quasi a canali veneziani dove automobilisti e centauri erano costretti a effettuare manovre pericolose oppure invadere la carreggiata opposta per non restare bloccati nei 'laghetti' ai bordi delle corsie". Il racconto è del consigliere comunale catanese Giuseppe Catalano, che chiede al sindaco Enzo Bianco di studiare urgentemente una soluzione.

"Peggiore la sorte che è toccata ai pedoni visto che molte strade del quartiere a nord di Catania, come via Barriera, sono prive di marciapiedi. Oggi fortunatamente, complice il ritorno del sole, le enormi pozzanghere si sono asciugate ma il problema di fondo resta: l’intero quartiere di San Giovanni Galermo non ha un sistema per il deflusso delle acque piovane efficace".

Abitanti e commercianti puntano il dito contro caditoie e chiusini, "letteralmente inservibili perché otturati dai detriti che si sono accumulati qui in anni e anni di totale assenza di manutenzioni costanti. Che fine hanno fatto i lavori per la realizzazione del collettore centrale? Dove sono gli operai che dovrebbero cominciare un’opera di vitale importanza per tutta Catania? In passato, a causa del cattivo funzionamento dei tombini, tante zone sono state letteralmente sommerse e bloccate dal traffico. Oggi ci sono le modalità e le tempistiche per fare in modo che simili scenari non si ripetano più ma occorre agire subito".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.