Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 18 novembre 2017

I familiari in municipio: "Grande affetto da tutta la città"


CATANIA - "Ho seguito la vicenda con apprensione, affetto e speranza sin dal primo momento". Così il sindaco di Catania Enzo Bianco ricevendo oggi a Palazzo degli Elefanti i familiari dell'ispettore dei Vigili Urbani Luigi Licari. 

"Pur essendo consapevole che i medici e gli operatori sanitari lo stanno assistendo con ogni dovuta attenzione - ha detto il sindaco - sono con loro in costante contatto per essere sempre al corrente delle condizioni del nostro ispettore. Gli siamo vicini. Luigi Licari è un vigile che opera con professionalità ma anche con cortesia e gentilezza; spero che quello che gli è accaduto possa, alla fine, essere da sprone a tutti i cittadini onesti e per bene di Catania per lottare contro tutte le forme di bestiale violenza, di prepotenza, di criminalità".

"Abbiamo voluto incontrare il sindaco Bianco - ha dichiarato Matteo Licari, fratello dell'ispettore ferito - per dirgli che lo sentiamo vicino insieme con tutta l'Amministrazione comunale, il comandante Sorbino, il Corpo della Polizia municipale e la città tutta. Il sindaco era venuto a trovarci in ospedale, noi abbiamo voluto ricambiare la visita come segno di riconoscenza per l'affetto e l'attenzione dimostrata nei confronti di Luigi. Abbiamo avuto dal sindaco rassicurazioni sul fatto che questo sforzo, questa vicinanza nei confronti della famiglia proseguirà, e che l'Amministrazione è determinata a individuare, per quanto di sua competenza, i responsabili di questo infame delitto".




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.