Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 24 settembre 2017

Pubblicato: 08/09/2017

Catania, vigile aggredito resta in coma

L'ispettore Luigi Licari Ŕ ricoverato in prognosi riservata al Cannizzaro. Sabato interrogatorio di garanzia del Gip al 22enne fermato per tentato omicidio. Si cercano altri complici

CATANIA - Si terrà domani mattina in carcere l'interrogatorio di garanzia del Gip Daniela Monaco Crea al 22enne fermato per il tentativo di omicidio dell'ispettore della polizia municipale di Catania, Luigi Licari, accusato di averlo aggredito per avergli impedito di passare con uno scooter in una strada che era temporaneamente chiusa al traffico.

Il giovane, difeso dagli avvocati Ignazio Danzuso e Giorgio Antoci, ha ammesso di avere colpito "con una manata" l'ispettore al culmine di una lite e di non essersi accorto della gravità del suo gesto, di cui si dice adesso pentito. Nell'inchiesta è l'unico indagato, ma nella ricostruzione della squadra mobile della Questura sull'aggressione si parla di diverse altre persone, comprese delle donne, presenti con il 22enne al momento dell'aggressione.

Agli atti del fascicolo, di cui è titolare il procuratore Carmelo Zuccaro, con deleghe all'aggiunto Ignazio Fonzo e al sostituto Santo Distefano, c'è anche la relazione medico legale che attesterebbe che Licari sarebbe stato colpito prima con oggetto contundente liscio, come il casco di una moto, e poi avrebbe riportato altri danni dall'impatto con la strada.

L'ispettore resta ricoverato in coma farmacologico nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Cannizzaro di Catania. Oggi è stato sottoposto a un esame Tac che ha confermato la "severità del quadro neurologico legato anche alla presenza di focolai contusivi intracerebrali, conseguenza dell'iniziale trauma cranico e del relativo ematoma subdurale ed evidenziatisi nell'odierno accertamento". Per i medici le "condizioni cliniche generali sono stazionarie" e "la prognosi resta riservata".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.