Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 24 settembre 2017

Pubblicato: 07/09/2017

Enna, santone prometteva guarigioni

In manette Carmelo Sambataro, 70 anni di Patern˛, per circonvenzione d'incapace: l'uomo spillava soldi a una disabile mentale in cambio di riti magici

ENNA - Un settantenne di Paternò Carmelo Sambataro, prometteva di praticare particolari riti magici ad un'anziana donna per guarirla: l'uomo è stato arrestato dalla Polizia di Stato e posto ai domiciliari, con l'accusa di circonvenzione di incapace.

Il ''Santone" avrebbe tentato di frodare una sessantenne, disabile mentale e ospite di una comunità della provincia ennese, promettendole la guarigione, attraverso particolari riti magici, in cambio di denaro. Sambataro è stato arrestato all'uscita di una banca dove si era recato, insieme alla donna, che aveva fatto uscire dalla comunità, con addosso la somma di denaro prelevata poco prima.

L'uomo aveva insistito col personale della banca affinché la signora scambiasse delle polizze vita a lei intestate e, solo dopo aver capito che tale operazione non era immediatamente possibile si era accontentato del poco denaro che la donna aveva prelevato dal conto corrente.

A casa di Sambataro la polizia ha trovato, talismani, amuleti, ciondoli e manuali per "maghi" o "chiaroveggenti", oltre ad alcuni pizzini dove l'uomo aveva annotato l'importo di varie somme di denaro cedute in passato dalla donna in cambio di una particolare acqua santa che avrebbe dovuto guarirla.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.