Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 24 settembre 2017

Pubblicato: 07/09/2017

Palagonia, preso il killer di Calcagno

Si tratta di Luigi Cassaro di 49 anni, fermato dopo che i carabinieri hanno diffuso le immagini per identificarlo

CATANIA - E' stato arrestato dai carabinieri di Catania l'assassino di Francesco Calcagno, il bracciante agricolo di 58 anni ucciso il 23 agosto scorso in un fondo agricolo. E' un 49enne, Luigi Cassaro, rintracciato nella sua abitazione di Licata (Ag).

Al momento dell’irruzione l'uomo non ha opposto alcuna resistenza, chiudendosi in un ostinato mutismo, tradito soltanto da qualche segno di nervosismo all’atto di conoscere che i carabinieri che stavano operando erano quelli di Catania e Palagonia. 

Per identificarlo la Procura di Caltagirone aveva autorizzato la diffusione del video in cui si vede l'uomo armato di pistola inseguire la vittima e dopo averla ferita mortalmente lasciare il posto con passo veloce, mentre il cane di casa si scansa per farlo passare.

Calcagno, nell'ottobre del 2016 secondo l'accusa per legittima difesa, uccise in un bar Marco Leonardo, un consigliere comunale eletto in una lista civica, anche lui armato. Anche in quel caso i carabinieri ricostruirono la dinamica della sparatoria grazie a un video. Cassaro è stato associato al carcere di Catania piazza Lanza a Catania su disposizione della procura della repubblica di Caltagirone.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.