Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 22 novembre 2017

Pubblicato: 06/09/2017

Sfida Cancelleri-Musumeci

Sondaggio Demopolis a due mesi dal voto delle Regionali: il M5s supera di un punto il centrodestra, lontano il centrosinistra. Micari staccato

A 60 giorni dal voto in Sicilia, sembra oggi una sfida a due, tra Giancarlo Cancelleri e Nello Musumeci, quella per la conquista di Palazzo d’Orleans. La partita elettorale appare particolarmente complessa per il Centro Sinistra su cui pesa, in modo rilevante, l’eredità del Governo uscente. È quanto emerge dalla prima indagine condotta dall’Istituto Demopolis a 2 mesi dalle Regionali del 5 novembre per l’elezione del nuovo Presidente della Regione ed il rinnovo dell’Ars.

Giancarlo Cancelleri, candidato del Movimento 5 Stelle, otterrebbe oggi il 35%, staccando di un punto Nello Musumeci, candidato del Centro Destra, attestato al 34%. Più distante, secondo il sondaggio Demopolis per il quotidiano La Sicilia, appare per il momento al 22% Fabrizio Micari, il Rettore dell’Università di Palermo, scelto quale candidato alla Presidenza della Regione dal Pd e dal Centro Sinistra, che deve di fatto iniziare la propria campagna elettorale. Al 6% si attesta Claudio Fava, designato dai partiti di Sinistra. Un complessivo 3% se lo dividono gli altri candidati.

La partita è apertissima, l’area grigia di chi non ha ancora deciso se e per chi votare è molto vasta: quella scattata oggi – spiega il direttore dell’Istituto Demopolis Pietro Vento – è una fotografia del consenso destinata a mutare in modo significativo in 2 mesi di campagna elettorale. Non va dimenticata l’altissima astensione e l’estrema mobilità del voto dei siciliani nelle ultime tornate elettorali”.

Particolarmente interessanti gli altri dati rilevati dall’Istituto Demopolis per “La Sicilia". A 2 mesi dal voto, Nello Musumeci è nettamente, con il 79%, il candidato più conosciuto dai siciliani, seguito al 60% da Claudio Fava. Giancarlo Cancelleri risulta noto al 58% degli intervistati. Bassa appare invece la notorietà di Fabrizio Micari, di cui ha sentito parlare appena un quarto dei cittadini.

L’Istituto diretto da Pietro Vento ha rilevato anche la fiducia dei siciliani nei principali competitor alla Presidenza della Regione, ponendo il quesito agli intervistati che conoscono o hanno sentito parlare di ciascun candidato. Il gradino più alto, nel podio della fiducia, lo ottiene con il 43% Giancarlo Cancelleri; il 40% afferma di fidarsi di Nello Musumeci: secondo i dati Demopolis, i due candidati, oggi in testa nei consensi, sembrano godere entrambi di vasta stima nell’elettorato.

Anche Fabrizio Micari, con il 38%, gode di un’ampia fiducia tra coloro cui oggi risulta noto. Sono dati destinati a pesare su una lunga campagna elettorale che si avvia con un testa a testa tra Cancelleri e Musumeci. “Lo scenario – aggiunge il direttore di Demopolis Pietro Vento – appare condizionato anche da un alto tasso di astensione: il 54% dei siciliani oggi non voterebbe per il rinnovo dell’Ars e la scelta del nuovo Presidente della Regione”. 


Nota informativa L’indagine è stata condotta dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, dal 3 al 5 settembre 2017 - per il quotidiano La Sicilia - su un campione regionale stratificato di 1.000 intervistati, rappresentativo dell’universo della popolazione maggiorenne residente in Sicilia. Supervisione della rilevazione demoscopica con metodologie integrate cawi-cati-cami di Marco E. Tabacchi. Coordinamento del Barometro Politico Demopolis a cura di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Metodologia ed approfondimenti su: www.demopolis.it




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.