Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdý, 20 ottobre 2017

Asino carico di rifiuti stramazza a terra

Castelbuono. Su Facebook la foto dell'animale utilizzato per la raccolta differenziata scatena le polemiche: "Il sindaco ha forse dimenticato che il medioevo Ŕ passato giÓ da un bel po'"

PALERMO - L'asinello utilizzato per la raccolta differenziata dei rifiuti a Castelbuono (Pa) cade, forse per il peso sopra la groppa, e la foto dell'animale a terra pubblicata su Facebook dall'animalista Enrico Rizzi fa scatenare le polemiche.

C'è anche chi scrive al sindaco dicendo: "Al di là del metodo assolutamente ridicolo perché forse ha dimenticato che il medioevo è passato già da un bel po', mi chiedo come lei possa permettere che un asinello stramazzi a terra come se nulla fosse senza che venga preso alcun provvedimento. Le chiedo di intervenire a stretto giro per impedire il ripetersi di maltrattamenti a danno degli animali. Mi riservo di informare amici e parenti affinchè nessuno metta più piede nel suo Comune fino a quando questa crudeltà venga abolita per sempre".

Rizzi su Fb scrive: "Sto chiedendo ai carabinieri di sequestrare subito l'asinello vittima di evidente violenza, perché di questo si tratta. Ho anche appena telefonato al dirigente dell'assessorato della Regione Sicilia con competenza alla tutela degli animali per informarlo di ciò. Anche lui mi ha garantito un intervento nel giro di 48 ore. Denunceremo i responsabili e li porteremo in tribunale, ve lo prometto".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.