Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 21 ottobre 2017

Pubblicato: 31/08/2017

Denise, 13 anni di misteri

Quattordici anni fa la scomparsa della piccola di 4 anni davanti casa, il rapimento Ŕ ancora oggi un mistero. I genitori vogliono la veritÓ

MAZARA DEL VALLO (TRAPANI) - "Tredici anni della nostra vita senza verità né giustizia. Non molleremo mai, nostra figlia va cercata ovunque e dovunque. Tutti hanno un cuore, pochi una coscienza". Lo scrivono sul blog cerchiamodenise.it Piero Pulizzi e Piera Maggio, genitori di Denise Pipitone, scomparsa l'1 settembre 2004 a Mazara del Vallo. Denise all'epoca non aveva compiuto ancora i quattro anni. La bimba giocava a rincorrere un cuginetto sul marciapiedi di casa, all'angolo tra le vie Castagnola e La Bruna quando, intorno a mezzogiorno, è stata rapita. Il suo sequestro rimane tuttora un mistero.

"Tredici anni senza Denise - proseguono Piera Maggio e Piero Pulizzi -. Bugie, depistaggi, silenzi omertosi, mostri crudeli e molta cattiveria. Errori commessi, speranza e attesa, lavoro e perseveranza, sofferenza, dolore e tanta rabbia. Falso buonismo, non verità, colpevoli liberi, delusione e amarezza. Troppi magistrati, processi e tanto altro per zero risposte. Dov'è Denise?".

Lo scorso mese di aprile la Cassazione ha definitivamente assolto dall'accusa di concorso in sequestro di minorenne Jessica Pulizzi, sorellastra di Denise (il papà di entrambe è Piero Pulizzi). Jessica Pulizzi era stata già assolta anche nei due precedenti gradi di giudizio, al termine dei processi svolti a Marsala e a Palermo. In Appello è stato anche dichiarato prescritto il reato di false dichiarazioni al pubblico ministero contestato all'ex fidanzato di Jessica Pulizzi, Gaspare Ghaleb, in primo grado condannato a due anni.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.