Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 21 ottobre 2017

Donna muore in ospedale a Palermo
I parenti distruggono il reparto

Complicazioni cardiache durante la dialisi, la paziente non ce l'ha fatta. Necessario l'intervento della polizia per riportare la calma

PALERMO - Una paziente muore in ospedale durante una dialisi e i familiari cominciano a inveire contro i medici e danneggiano il reparto. E' avvenuto al "Cervello" di Palermo. La donna, 58 anni, cardiopatica durante il trattamento si è sentita male; trasferita in cardiologia è morta. Alla notizia i parenti hanno cominciato a dare in escandescenze.

Sono dovute intervenire tre pattuglie della polizia per riportare la calma. "Durante la dialisi - spiega la direzione dell'ospedale - sono sorte complicazioni cardiache che hanno richiesto il trasferimento a Cardiologia, all'unità terapia intensiva coronarica, il 29 agosto. E' stata assistita immediatamente, le è stato subito impiantato un pacemaker temporaneo e ha continuato a fare la dialisi nel reparto.

La donna è stata monitorata costantemente con la massima professionalità da parte dei medici del reparto. Ieri la situazione è peggiorata. Tre medici cardiologi l'hanno assistita e per più di un'ora hanno effettuato un intervento di rianimazione, terminato il quale non si è potuto fare altro che constatarne il decesso".

"Tutta l'assistenza alla signora - sottolinea l'ospedale - è stata eseguita nel più pieno e scrupoloso rispetto delle procedure e con estrema professionalità da parte dei medici del reparto". Non lo pensano allo stesso modo i parenti della donna che hanno presentato denuncia alla polizia e che sono stati a loro volta denunciati per i danni provocati nel reparto.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.