Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 24 settembre 2017

Pubblicato: 31/08/2017

"Mi candido se ho il sostegno di tutti"

Mdp e Art.1 scelgono Fava per correre alle regionali: "Progetto unitario di cambiamento". Il figlio del giornalista ucciso dalla mafia: "Pronto a fare la mia parte"

PALERMO - Mdp sceglie all'unanimità Claudio Fava come candidato alla presidenza della Regione siciliana e vota compatta per la ricomposizione delle forze di sinistra, così come è emerso dal coordinamento regionale di Art.1-Mdp.

"Mdp Sicilia decide di avanzare un progetto alternativo della sinistra insieme alla società civile siciliana proponendo la candidatura di Claudio Fava alla presidenza delle Regione", si legge nel documento politico del coordinamento regionale.

"Una proposta e un nome, in grado di interpretare al meglio il profilo di un progetto di discontinuità politica, programmatica ed etica capace di parlare non solo al mondo della sinistra ma anche all'intera società civile interessata".

"Un vero processo di cambiamento - prosegue il documento -. Ci rivolgiamo, quindi a tutte le forze della sinistra, alla forze sociali e al mondo del lavoro, dell'ambientalismo, del cattolicesimo democratico e popolare per valutare la bontà della proposta e per condividere la sfida di un progetto unitario di cambiamento".

"Sono a disposizione e se ci sarà una condivisione ampia e convinta di tutta la Sinistra con una partecipazione alta e coerente di tutte le componenti a quel punto, ma soltanto a quel punto, sarò pronto a fare la mia parte", ha commentato Fava.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.