Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 21 novembre 2017

Pubblicato: 30/08/2017

Palermo, la droga calata col paniere

Ai domiciliari vendeva droga grazie a un cestino agganciato a un cavo d'acciaio: arrestato 35enne

PALERMO - Nonostante fosse sottoposto agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico per un furto, Vincenzo Fasone, 35enne, palermitano, aveva ingegnato un meccanismo quasi perfetto per poter spacciare sostanze stupefacenti rimanendo tranquillamente a casa: aveva agganciato un cavo d'acciaio collegato dal balcone alla strada e consegnava le dosi richieste "agli avventori" grazie a un cestino legato a una corda che faceva sfilare lungo il cavo.

I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Palermo San Lorenzo hanno fatto irruzione in casa: l'uomo è stato trovato seduto al solito tavolino in balcone con 21 dosi di hashish e 4 di cocaina, oltre alla somma di 105 euro.

La perquisizione estesa, poi, agli altri ambienti della casa, ha permesso di trovare, in un camerino, all'interno di alcune scatole per scarpe, altri 2 panetti di hashish, 3 bilancini di precisione e materiale vario per il confezionamento delle dosi. L'uomo è stato arrestato.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.