Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 24 settembre 2017

Pubblicato: 09/08/2017

Spacciavano al Villaggio Sant'Agata

In manette quattro catanesi che vendevano droga a clienti occasionali. Durante le perquisizioni a Librino trovati sei chili di marijuana in un casolare abbandonato

CATANIA - I carabinieri di Catania Fontanarossa hanno arrestato due uomini, Giuseppe Campione di 34 anni Francesco Puglisi di 32 anni, insieme a loro un 20enne e un 19enne, tutti catanesi, per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Ieri sera, i militari, durante un servizio antidroga nel popolare quartiere Librino, hanno notato i quattro nel Villaggio Sant’Agata che, con compiti diversi, contattavano e consegnavano delle bustine ad acquirenti occasionali.

Prontamente bloccati e perquisiti, sono stati trovati in possesso di 50 grammi di marijuana ed 1 grammo di cocaina, già suddivisi in dosi, e della somma di 140 euro in banconote di piccolo taglio, ritenuto provento dell’attività di spaccio.

Successivamente i carabinieri hanno proceduto a delle perquisizioni nelle abitazioni dei fermati rinvenendo ulteriori 220 grammi di marijuana, già suddivisa in dosi, altri 250 euro in contanti e vario materiale utilizzato per confezionare la droga, che è stato sequestrato.

Nel contesto dello stesso servizio i militari nella zona hanno setacciato ogni edificio abbandonato, anfratto e aiuole rinvenendo in un casolare in stato di abbandono 6 chili di marijuana che sono stati sequestrati. Le indagini sono ancora in corso al fine di individuare chi avrebbe potuto avere la disponibilità di quell’ingente quantitativo di droga che, se immesso nella piazza di spaccio cittadino, avrebbe fruttato oltre 60.000 euro.

Gli arrestati sono stati ristretti, rispettivamente, i due giovani ai domiciliari mentre il 34enne ed il 32enne sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza dell’arma in attesa di essere giudicati con rito direttissimo, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.