Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 23 settembre 2017

Pubblicato: 01/08/2017

E il maestro accarezzò Gabbani

A Milo la rassegna musicale organizzata da Battiato. Sul palco Carmen Consoli e il vincitore di Sanremo

MILO (CATANIA) - E' partita a Milo con Carmen Consoli e Francesco Gabbani, accarezzato sul palco dal padrone di casa Franco Battiato (GUARDA IL VIDEO), la rassegna musicale “Luce del Sud” organizzata dal maestro catanese.

La cantantessa ha aperto il suo live acustico con “Parole di Burro”. Dopo di lei Gabriella Lucia Grasso, cantante siciliana che spazia dalla world music al jazz. A Milo ha portato alcuni brani del suo ultimo album Vossia Cuscenza.

Grande accoglienza anche per Miele, cantautrice nissena con una importante esperienza al Festival di Sanremo 2016, che al pubblico ha dedicato una cover di Dalla, “Tutta la vita”, omaggio a un interprete assai legato a Milo.

Quindi l’esibizione del pianista e compositore Roberto Cacciapaglia e alla fine l'esplosione di euforia per Gabbani, che ha riproposto i suoi più recenti successi: da Amen a “Occidentali’s Karma” fino al tormentone “Estate”.

Stasera tocca a Luca Madonia con la sua band aprire la serata per poi cedere il palco a Emma e a Franco Battiato che duetterà con la giovane artista per uno show “intergenerazionale”. Domani Arisa, Etta Scollo, Juri Camisasca, Vasco Brondi e, ospiti speciali, i Baustelle e ancora Battiato, autentico “deus ex machina” di Luce del Sud. I concerti cominciano alle 21.30.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.