Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 23 ottobre 2017

Enna, convenzione Asp-Cnr per le malattie rare

Nuccio Sciacca / 
Al via la collaborazione, Cavallaro e Sapienza i responsabili scientifici

Avviata la collaborazione con il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) sulle malattie rare. L’Asp di Enna, nell’ambito delle attività finanziate dall’assessorato regionale alla Salute della Sicilia, mira a promuovere il miglioramento del percorso diagnostico delle malattie rare afferenti agli ambiti internistico, terza infanzia, adolescenza e medicina sportiva.

A tal proposito il Consiglio Nazionale di Ricerche (Cnr), diretto da Sebastiano Cavallaro, è uno degli istituti di ricerca e di divulgazione scientifica più all’avanguardia in campo nazionale e l’unico in Sicilia per lo studio degli aspetti clinici e genetici delle malattie rare.

"La convenzione con il Cnr - spiega Giovanna Fidelio, direttore generale dell’Asp - consente di favorire positivamente la possibilità di diagnosi dei soggetti afferenti ai servizi territoriali/ospedalieri dell’Asp di Enna".

Per le sopra citate caratteristiche il Cnr è stato individuato come struttura privilegiata per stipulare la convenzione. I responsabili scientifici, chiamati a coordinare le attività saranno, per il Cnr, lo stesso Sebastiano Cavallaro e, per l’Asp, il direttore Unità Operativa Complessa di Medicina Interna dell’ospedale "Umberto I" di Enna, Mauro Sapienza.

Nella foto: da sinistra Sapienza e Cavallaro




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.