Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 20 novembre 2017

Pubblicato: 17/07/2017

Catania, aggrediti controllori Amt

In piazza Borsellino un passeggero voleva punire un autista colpevole di non averlo fatto salire su un bus troppo carico di persone

CATANIA - Ennesima ritorsione nei confronti dei lavoratori dell'Amt, ieri durante il "fuggi -fuggi" a causa dell'improvvisa pioggia, un esuberante passeggero si è presentato alle 12.30 al capolinea di piazza Borsellino perché doveva - a modo suo - punire l'autista perché non era riuscito a salire sulla corsa precedente dai lidi Plaia in direzione Catania in quanto l'autobus era stracolmo di passeggeri.

Con fare minaccioso si è recato nel casotto dove ha trovato due verificatori che ha prima minacciato e poi aggredito all'improvviso. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine. Mentre i due verificatori sono stati trasportati in ospedale e dimessi intorno alle 17 con prognosi di 10 giorni per ciascuno, l'aggressore veniva identificato per le successive denunce del caso.

"Alla luce dell'ennesimo atto di violenza nei confronti dei lavoratori - affermano i sindacati in una nota - sotto gli occhi impassibili delle istituzioni, i segretari di categoria Romualdo Moschella e Giovanni Lo Schiavo si attiveranno, nel rispetto delle vigenti normative, per proclamare uno sciopero di 24 ore. Non ci fermeremo se non ci sarà una soluzione definitiva che potrà essere discussa solo con il prefetto di Catania o con il sindaco di Catania Enzo Bianco".





Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.