Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdý, 24 novembre 2017

Pubblicato: 17/07/2017

Palermo: due incendi sospetti

I vigili del fuoco al lavoro tutta la notte per domare le fiamme in due depositi di cassette di legno. Si indaga sulla matrice dolosa

PALERMO - Sono state impegnate tutta la notte le squadre dei vigili del fuoco per spegnere gli incendi divampati a Palermo nello stesso momento in due capannoni utilizzati per conservare migliaia di cassette di legno.

Il primo incendio in via Messina Montagne, alla periferia orientale di Palermo, il secondo in via Giovan Battista Vico, nella zona di Tommaso Natale.

Solo da poco le squadre dei pompieri sono rientrate al comando provinciale. Le indagini sono condotte dalla polizia che vuole accertare l'eventuale matrice dolosa degli incendi, una tesi avvalorata dalla coincidenza temporale dei roghi.

Non è la prima volta che depositi di cassette di legno vengono distrutti dalle fiamme a Palermo. Nei mesi scorsi era già successo allo Zen in via Tasca Lanza, in viale Regione Siciliana e in via Messina Marine con danni ingenti.

I depositi appartengano alla stessa famiglia: quello di via Messina Montagne è di Giuseppe Adragna; quello di via Vico è del nipote, Angelo Ingrassia. Le indagini sono della polizia. Per tutta la mattina i tecnici dei vigili del fuoco e della polizia scientifica hanno fatto sopralluoghi per cercare tracce utili alle indagini. I due titolari sono stati sentiti dagli agenti della polizia.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.