Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 23 luglio 2017

Rischio suicidio in carcere, scatta la prevenzione

Nuccio Sciacca / 
Firmato a Palermo il protocollo da Asp, Ucciardone, Pagliarelli e Casa circondariale di Termini Imerese

PALERMO - Insieme per la prevenzione del suicidio nelle carceri palermitane. Valutazione all’ingresso, monitoraggio e gestione del rischio e del disagio sono le attività pregnanti di ciascuno dei tre protocolli operativi territoriali sottoscritti dal manager dell’Azienda sanitaria, Antonio Candela, rispettivamente con la direttrice dalla Casa circondariale Pagliarelli, Francesca Vazzana, con la direttrice della Casa di reclusione Ucciardone, Rita Barbera, e con la direttrice della Casa circondariale di Termini Imerese, Nunziella di Fazio.

“In coerenza con le linee guida emanate dall’Assessorato regionale alla Salute il 21 aprile scorso – ha spiegato Candela -  nel documento sono previste azioni specifiche di intervento in grado di intercettare e trattare con tempestività stati di disagio psicologico, di disturbo psichico o di altre fragilità. L’obiettivo è di mettere in atto misure e forme di prevenzione del rischio suicidio o di atti di autolesionismo”.

Nel caso vengano evidenziate o insorgano all’ingresso o durante la carcerazione situazioni o fattori di rischio, è immediatamente attivato uno specifico staff multidisciplinare composto da operatori dell’Istituto penitenziario e dell’Asp. Nel protocollo sono anche previste “modalità e tecniche per la preparazione degli stessi detenuti alle funzioni di caregivers e peer supporter”, cioè di detenuti “formati” che possano essere da supporto e sostegno di altri detenuti a rischio suicidio o di atti autolesionismo.  

“Dopo il passaggio delle competenze di assistenza e cura al Servizio sanitario nazionale – ha spiegato Candela – l’Asp di Palermo è particolarmente impegnata nelle carceri del proprio territorio. Abbiamo, tra l’altro, previsto e già attivato la presenza mensile per complessive 364 ore di psicologi e per 350 ore di psichiatri”.






Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.