Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 17 ottobre 2017

Pubblicato: 14/07/2017

Sciacca, incendio minaccia le case

Brucia l'ingresso del paese agrigentino, evacuati tre palazzi e una scuola. Focolai sulla Catania-Messina

SCIACCA (AGRIGENTO) - Un vasto incendio sta interessando il centro abitato di Sciacca (Agrigento), all'ingresso est alla città. Le fiamme si sono propagate all'interno dell'area boschiva di contrada Pierderici, allargandosi in pochi minuti e raggiungendo le aree residenziali tra le vie Figuli e Ravasio e il viale della Vittoria. Tre palazzi sono stati evacuati dalla protezione civile. In tutto sono state fatte sgomberare una quarantina di famiglie.

EVACUATA UNA SCUOLA. Non ci sarebbero feriti, ma alcune persone, soprattutto anziane, sarebbero intossicate per il fumo. A rischio anche le autovetture parcheggiate. Sulla zona sono in volo alcuni Canadair. E' stata evacuata anche una scuola dentro la quale si stavano svolgendo le attività della parrocchia vicina. Non si può entrare nella cittadina al momento dall'ingresso est.

BRUCIA GIARDINI NAXOS. Altri incendi si sono sviluppati in pieno centro a Giardini Naxos, in provincia di Messina. Vari focolai si sono propagati nelle prime ore del mattino nella zona del casello autostradale di Calacarone dell'A18 Messina-Catania. Poi, in tarda mattinata, le fiamme hanno interessato un tratto di terreno che corre lungo il percorso della ferrovia che attraversa il cuore della cittadina turistica.

"SEMBRA CI SIA UNA REGIA". ''Sembra quasi che si voglia mettere in difficoltà le istituzioni, sembra quasi uno sfregio, ma il problema è che si sfregia la natura. Spero che non sia un gioco organizzato, ma tutto fa pensare che dietro ci possa essere quasi una regia. Nessuno lo può dimostrare o verificare ma quando a Messina un responsabile della protezione civile ha trovato un piromane in azione allora il dubbio che ci sua dietro la mano dell'uomo è enorme. Quella mano è casuale o organizzata? E' un tema che possono sciogliere solo le forze dell'ordine''. Il presidente della Regione Rosario Crocetta ha manifestato i suoi dubbi a Catania al termine di una riunione in prefettura per fare il punto degli interventi di spegnimento degli incendi.

Crocetta ha sottolineato che ''anche la struttura di Catania ha funzionato benissimo, lavorando insieme alla protezione civile regionale e comunale, a tutte le forze dell'ordine, i vigili del fuoco, forestali, che hanno fatto sistema affrontando episodi incendiari particolarmente devastanti e diffusi a macchia di leopardo, dietro i quali si ha ragione di pensare che ci sia la mano umana''.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.