Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 20 settembre 2017

Catania, arrivano gli sceriffi in centro
"Stavolta ci siamo fatti rispettare"

Nuovi pattugliamenti, Bianco gongola: "Nessun abusivo, qualche multa e la città di sera è tornata in ordine"

CATANIA - "La prima notizia è che, grazie al nostro servizio di pattugliamento su via del Rotolo e via De Gasperi, non ha montato nessun abusivo". Il sindaco di Catania Enzo Bianco sembra aver scoperto come fermare l'illegalità a Catania: basta mandare in giro delle pattuglie di polizia municipale.

"Il parcheggio - prosegue il sindaco sui social - l'abbiamo fatto chiudere come di consueto alle 21. Su via Etnea, via Di Sangiuliano e zona Teatro Massimo era tutto tranquillo, anche se ieri sera c'è stata più affluenza di gente. Nessuna auto in sosta vietata, abbiamo allontanato qualche innocuo venditore dello Sri Lanka con gingilli vari".

Il sindaco espone un quadro molto dettagliato: "In via Pulvirenti/via Mazza molto afflusso, ma la nostra pattuglia ha evitato l'ingresso dei motorini e tutto è stato regolare, così come in via Landolina e piazza Scammacca, dove un bravo ispettore si è fatto rispettare. Anche al porto la pattuglia si è data da fare all'ingresso per fluidificare il traffico su via Dusmet (anche perché l'accesso al porto è stato inibito dalle 19 alle 6). Infine piazza Federico di Svevia, dopo due verbali a parcheggiatori abusivi e qualche verbale di divieto di sosta, è tornata ordinata e presidiata. Guardate com'era la situazione ieri tra via Landolina, piazza Teatro Massimo, via Coppola, via Di Sangiuliano e via Michele Rapisardi".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.