Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 22 settembre 2017

A Catania ambulatorio per migranti e bisognosi

Nuccio Sciacca / 
Medici e odontoiatri volontari forniranno prestazioni gratuite

Nata da un progetto rotariano l'idea si è concretizzata in via Santa Maddalena 15 grazie all'associazione onlus "Catania salute e solidarietà" e all'associazione dei medici cattolici con la benedizione dell'arcivescovo metropolita Salvatore Gristina.

"Questo ambulatorio polispecialistico solidale dove bisognosi e migranti potranno ricevere gratuitamente cure specialistiche e orientamento sociosanitario diventa una bella realtà di questa città - dice il presidente provinciale dell'Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri di Catania, Massimo Buscema - siamo fieri come medici e odontoiatri di avere messo a disposizione la nostra professionalità e il nostro tempo per coloro che vivono nella nostra comunità in stato di sofferenza, disagio sociale e spesso con gravi problemi di salute".

Soddisfatti dell'impegno della categoria il vice presidente dell'Ordine Antonio Biondi e il consigliere Nino Rizzo che hanno sottolineato l'importanza della diffusione dell'iniziativa ad altri colleghi per raccogliere ulteriori adesioni. "L'odontoiatria sociale è anche questo - aggiunge Ezio Campagna, consigliere ordinistico e componente della Cao, Commissione Albo Odontoiatri di Catania - siamo sicuri che la sensibilità delle istituzioni sanitarie esca rafforzata da questi esempi solidali e si possa dare vita a un progetto ancora più ampio". In rappresentanza della Cao era presente anche Giovanni Barbagallo.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.