Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdý, 28 luglio 2017

Parisi nuovo assessore al Welfare
l'autoproclamazione su Facebook

L.Cil. / 
Il segretario della Uil di Catania annuncia la nomina prima ancora della comunicazione ufficiale del sindaco. Polemica la Cisl

CATANIA - "Il sindaco Enzo Bianco mi ha appena assegnato la delega ai Servizi sociali nell'amministrazione comunale di Catania. Inizia una nuova avventura che cercherò di onorare facendo tesoro delle mie esperienze umane, professionali, sindacali e politiche. La Uil mi ha insegnato a fare "Sindacato dei Cittadini": è un modo di servire tutti, in particolare i più bisognosi, che mi pone naturalmente in sintonia con Enzo Bianco e con la sua visione di impegno civile. Grazie per le critiche, anche quando sono strumentali. Grazie per il sostegno, che spero di meritare".

Basta un post. E che ce vò. Nell'epoca della fibra e della banda larga, persino le istituzioni non fanno in tempo a incontrarsi, rispettare un cerimoniale istituzionale e stringersi la mano con l’immancabile foto di rito. Già, perché il nuovo assessore della giunta Bianco a Catania, il tredicesimo dall'inizio della sindacatura, arriva per autoproclamazione dello stesso diretto interessato sulla sua pagina Facebook.

Fortunato Parisi, dal 2014 segretario generale della Uil di Catania (ed è già una stranezza che un segretario in carica ricopra un ruolo politico), da oggi, o da quando formalmente si insedierà, è a capo di una delle deleghe politiche più delicate in una città che vive il dramma e il disagio della mancanza di politiche di assistenza e tutela al lavoro.

La delega, di fatto, resta in area sindacale, dalla Cgil (che ha già annunciato "un vertice con il nuovo assessore per mercoledì prossimo", a propositò di velocità) alla Uil con il plauso della Ugl, che in un passaggio di una nota nota scrive: "Fare della nomina una questione legata alla bandiera è davvero fuori luogo in un momento, come questo, in cui la città ha bisogno di un aiuto da parte di tutti. Non significa che fonderemo sul consociativismo o sull’accondiscendenza il nostro approccio nei confronti del nuovo assessore, ma continueremo ad essere propositivi ed anche critici quando ce ne sarà bisogno".

Di umore opposto la reazione della Cisl, che ancora una volta stigmatizza la commistione tra politica e organi di rappresentanza dei lavoratori. “È fuor di dubbio che sindacato e politica debbano avere ruoli diversi e obiettivi convergenti. In questo caso, quando la commistione avviene tra mondo sindacale e correnti di partito, con la benedizione di vertici nazionali, politici e sindacali, che predicano bene e razzolano male” commenta il sindacato.

La mossa politica, infatti, sembra essere quella di blindare il sostegno del mondo sindacale attorno alla figura di Angelo Villari, dirigente Pd ed ex assessore comunale al Walfare, che da sempre ha rappresentato l’universo della Cgil nell’isola, nella corsa alla conquista di un posto all’Ars alle prossime elezioni regionali del 5 novembre.

Twitter: @LucaCiliberti
Luca Ciliberti




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.