Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 24 luglio 2017

Disabili, dopo le polemiche ecco i soldi

Approvato il piano regionale: stanziati 15 milioni di euro per il triennio

PALERMO - Dopo le polemiche sull'assistenza ai disabili, con una clamorosa manifestazione alla Presidenza della Regione e un concitato faccia a faccia tra l'attore e regista Pif e il Governatore Rosario Crocetta, arrivano i primi risultati concreti.

La giunta siciliana ha approvato il piano regionale "Dopo di Noi" presentato dall'assessore per la Famiglia, per le Politiche Sociali e il Lavoro, Carmencita Mangano, dedicato al sostegno ai disabili privi di supporto familiare. Il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, sulla base di una legge nazionale del 2016, ha stanziato per la Sicilia oltre 15 milioni di euro per il triennio 2016-2018.

"La Sicilia - ha detto l'assessore Mangano - è una delle prime regioni italiane a cui il Ministero ha dato il via libera accettando in toto le nostre indicazioni contenute nel piano. Le risorse a disposizione potranno servire per finanziare programmi e interventi innovativi di residenzialità come il co-housing e a favorire l'indipendenza dei disabili in abitazioni o gruppi a casa propria o in altre strutture".

L'assessore ha sottolineato che "sarà anche possibile accedere ai finanziamenti per eliminare barriere architettoniche, per l'acquisto di attrezzature, macchinari o strumentazione a supporto della residenzialità nonché per la ristrutturazione di immobili che possano garantire l'autonomia alle persone con disabilità a cui vengono a mancare parenti o amici".

A breve, assicura l'assessore, si definiranno anche le linee guida in maniera da supportare il lavoro dei Distretti socio-sanitari che dovranno stilare i piani distrettuali. Intanto il governatore Crocetta e l'assessore Mangano hanno comunicato che dopo l'erogazione dell'assegno di cura da parte dell'Asp di Palermo a 203 soggetti gravissimi su 273, sono stati già emessi i mandati di pagamento per 71 disabili a Enna e sono in corso di erogazione ulteriori 56 nei prossimi giorni.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.