Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 22 settembre 2017

Pubblicato: 21/06/2017

Ossa a rischio per le nuove generazioni

Nuccio Sciacca / 
La colpa è dello stile di vita sempre più confinato in luoghi chiusi

Niente giochi all’aria aperta, troppa tecnologia e un’alimentazione spesso carente di calcio e vitamina D. Colpa di uno stile di vita sempre più 'casalingo', con poche occasioni per approfittare dei raggi di sole e troppe uscite che portano comunque a luoghi chiusi, preferibilmente con wi-fi disponibile. A fare il quadro è Andrea Giustina, docente di Endocrinologia e Metabolismo all’università Vita e Salute San Raffaele Milano, a margine della 'First International Conference on Controversies in Vitamin D', summit dei massimi esperti di vitamina D, che si è svolta  a Pisa. Un meeting organizzato in collaborazione con il Glucocorticoid Induced Osteoporosis Skeletal Endocrinology Group (Gioseg).

"Oggi - ha spiegato Giustina, che è anche membro del Comitato scientifico della Conferenza e presidente Gioseg - le nuove generazioni non hanno più l’abitudine di trascorrere molte ore fuori casa, come accadeva un tempo. Così i benefici del clima favorevole del nostro Paese si vanificano. E si registrano gli effetti negativi legati alla minore produzione di vitamina D, ovvero una minore mineralizzazione delle ossa che, nei ragazzi, è particolarmente importante".

A peggiorare la situazione una dieta non sempre adeguata, in particolare nelle ragazze che temono i cibi grassi. "L’apporto della vitamina D attraverso l’alimentazione - ha ricordato Giustina - è limitata a circa un 20%, che è comunque importante".

L’alimento che ne contiene di più è l’olio di fegato di merluzzo, oggi praticamente 'estinto'; seguono i pesci grassi (salmone, pesce azzurro), uova. "Un fattore aggiuntivo di rischio - conclude l’esperto - è una dieta povera di calcio, sempre più diffusa, in particolare tra le ragazze che rinunciano a latte e formaggio perché convinte che facciano male. 




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.