Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 23 ottobre 2017

Pubblicato: 19/06/2017

Regione, il centrosinistra traballa

La direzione regionale del Pd sceglie di non uscire dal governo: "Crocetta completi il mandato, poi Grasso per replicare il modello Orlando". I Centristi: "Alleanza non più scontata"

PALERMO - Portare a conclusione il mandato del governo di Rosario Crocetta e pensare nuove strade da seguire, con una maggioranza solida e ampia. E, se possibile, con una candidatura forte e di grande speranza come quella di Pietro Grasso.

E' il presidente del Senato il 'convitato di pietra' della direzione del Partito democratico in Sicilia che guarda e spera in lui come 'conducator' del Pd per altri cinque anni di governo in Sicilia. Il segretario del Pd siciliano, Fausto Raciti, non lo cita direttamente, ma è Pietro Grasso l'uomo a cui guardano i Dem, ma non solo, per una coalizione allargata per le Regionali del novembre prossimo.

Sull'ipotesi Grasso candidato convergono Giuseppe Berretta, della mozione Orlando, ma anche lo stesso Giuseppe D'Alia, leader dei Centristi per l'Europa, che oggi hanno ratificato l'uscita dal governo del loro assessore all'Infrastruttura, Giovanni Pistorio.

"Sono piu' che convinto della eventualità di una nuova candidatura - afferma il segretario del Pd siciliano, Raciti - sia per consenso che per capacita' di sviluppare entusiasmo, per autorevolezza e lunghezza di percorso: su questo abbiamo parlato un po' tutti".

L'obiettivo è fare asse con i moderati e allargare la coalizione guardando allo "schema Palermo", puntando a replicare quel "civismo politico" di Leoluca Orlando che ha prodotto "la sconfitta del centrodestra e del Movimento cinque stelle".

E' il presidente dell'assemblea, Giuseppe Bruno, a confermare che "la direzione regionale del Pd ha sancito la chiusura di una fase politica e ha avviato un nuovo percorso per il governo della Regione".

"Questa esperienza politica può dirsi chiusa - esplicita Bruno - arriverà alla scadenza naturale, ma la priorità del partito è cominciare a costruire un campo largo per le regionali".

Rosario Crocetta, dal canto suo, si dice "contento del risultato della direzione del Pd", ma mette dei paletti: "Quello di Palermo non è un modello replicabile su scala regionale, anche se è un buon modello. I modelli cittadini non sono modelli che possono essere replicati anche su scala regionale".

Il Governatore si dice pronto a "una soluzione lampo" per la scelta del sostituto di Pistorio. E attacca i centristi che, sostiene, "hanno aperto una crisi immotivata che non ha avuto un effetto 'domino'" da loro sperato, anche perché, osserva, "non si può giocherellare a 5 mesi dal voto", ma "deve prevalere il senso di responsabilità" e "il Pd l'ha avuto".

Ma al tavolo del 'modello Palermo' sembra traballare la 'gamba' dei 'centristi': "La direzione del Pd siciliano ha deciso di non decidere - commenta segretario regionale dei centristi per l'Europa, Adriano Frinchi - non si può cantare e portare la croce. È evidente che abbiamo valutazioni diverse. Noi e Alternativa popolare siamo usciti dal governo e loro hanno deciso di sostenere in solitudine Crocetta. A questo punto la collaborazione col Pd siciliano non ci sembra più scontata".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.