Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 27 giugno 2017

Pubblicato: 19/06/2017

Ognina, lancia sassi su auto in sosta

A Catania un romeno ubriaco si arrampica sulla torre di via Medea e scaglia pietre contro passanti e macchine

CATANIA - I carabinieri di Catania hanno arrestato il 27enne romeno Alexandru Andrei Pirlea ritenuto responsabile di resistenza e violenza a pubblico ufficiale e danneggiamento.

L’uomo senza fissa dimora, ieri pomeriggio, sotto l’effetto di sostanze alcoliche, si è arrampicato sulla torre antica ubicata in via Medea e raccogliendo i grossi sassi riposti alla sommità della stessa li ha prima lanciati sulle auto in sosta – almeno tre le auto che hanno riportato ingenti danni - per poi scagliarli contro i passanti e le auto in transito. Alcuni cittadini presi di mira dall’esagitato hanno immediatamente chiesto aiuto al 112.

Nel giro di pochi minuti sono giunte sul posto le pattuglie della Stazione di Ognina e del Nucleo Radiomobile. I militari, supportati anche da personale del Vigili del fuoco, hanno messo in sicurezza la zona tentando poi di convincere l’uomo a scendere dalla torre.

La negoziazione protrattasi per alcune ore non ha sortito l’effetto sperato costringendo i carabinieri ad arrampicarsi sul sito e, dopo una violenta colluttazione, dove l’uomo per non farsi arrestare oltre a lanciare delle pietre contro i militari ha tentato di ferirli con dei cocci di bottiglia, riuscire a neutralizzarlo ammanettandolo.   L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.