Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 27 giugno 2017

Pubblicato: 19/06/2017

D'Alia: "Regione? Non sono candidato"

Il leader dei Centristi: "Ho finito di frequentare l'asilo da qualche anno e non ho giochetti da fare"

PALERMO - "Non sono candidato alla presidenza della Regione siciliana, ho finito di frequentare l'asilo da qualche anno e non ho giochetti da fare". Lo afferma Gianpiero D'Alia, coordinatore nazionale dei Centristi per l'Europa, in un'intervista al quotidiano 'La Sicilia', sgombra il campo su una sua possibile corsa a Palazzo d'Orléans.

"Nelle varie interviste e dichiarazioni che Crocetta ha rilasciato in questi giorni - osserva - alimenta l'impressione che io voglia candidarmi. Ribadisco non è così. Per le prossime regionali l'unica coalizione possibile, perché vincente e innovativa è quella tra moderati e Pd". aggiunge.

L'ex ministro, ricordando il recente successo di Leoluca Orlando spiega: "la lezione di Palermo è che quando moderati e progressisti si mettono insieme su un programma e un candidato credibili si vince perché gli elettori non hanno bisogno di esercitare un voto di protesta".

"Guardiamo con rispetto a ciò che deciderà oggi la direzione regionale del Partito democratico, ma in ogni caso per noi due punti non sono negoziabili: primo, Crocetta non potrà essere il capo di una futura coalizione; secondo sapere se il Pd ha interesse a sostenere lo schema che preveda un'alleanza tra progressisti e moderati". E sull'ipotesi Grasso governatore, D'Alia spiega: "L'attuale presidente del Senato sarebbe il candidato adatto per consentire a questa coalizione di fare un salto di qualità e di avviare un reale processo di riqualificazione della classe dirigente regionale".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.