Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 20 novembre 2017

Pubblicato: 18/06/2017

E ora il caldo non si ferma più

Questo giugno potrebbe essere uno dei più afosi degli ultimi 10 anni: dopo la tregua del weekend in arrivo una nuova ondata africana

ROMA - “Dopo una parziale attenuazione del caldo nel weekend, si profila una nuova ondata di calore sull’Italia nella nuova settimana, che potrebbe essere anche piuttosto duratura”. I meteorologi di 3bmeteo.com non lasciano speranze. 

“Fino a martedì il caldo sarà ancora tutto sommato sopportabile su gran parte della Penisola, per quanto pienamente estivo, con al più locali eccezioni. Da mercoledì invece le correnti calde dal Nord Africa sembrano interessarci in modo più diretto, con temperature elevate inizialmente soprattutto al Centronord, poi anche al Sud. L’anticiclone che in questi giorni sta arroventando Spagna, Portogallo e Francia, si espanderà infatti con più decisione anche sull’Italia nel corso della nuova settimana".

DA MERCOLEDI’ PICCHI DI 35-36° - “Come detto il caldo si farà intenso soprattutto nella seconda parte della nuova settimana - dicono gli esperti -, quando su diverse località si potrebbero raggiungere picchi di 35-36°, in primis sulla Valpadana, ma localmente anche sulle aree interne del Centrosud. Meno caldo lungo le coste, mitigate dalle brezze marine, ma qui si farà sentire l’afa per gli elevati tassi di umidità".

GIUGNO PIU’ CALDO DEGLI ULTIMI 10 ANNI? – “Bisognerà attendere la fine del mese per avere un bilancio definitivo, ma questo giugno potrebbe rivelarsi come uno dei più caldi degli ultimi anni, specie se confermate temperature sopra la media per almeno altri 8-10 giorni”, concludono da 3bmeteo.com




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.