Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 23 agosto 2017

Pubblicato: 17/06/2017

Tassista aggredito, preso un russo

Acireale. Calci e pugni al 61enne Giovanni Leonardi, morto poche ore dopo in ospedale per infarto. Il 25enne Nikita Gromokov lo accusava di aver rubato il portafogli alla fidanzata

CATANIA - Un 25enne russo, Nikita Gromokov, originario di Mosca, ma che ha anche passaporto italiano, è stato fermato da carabinieri nell'ambito delle indagini della morte del tassista Angelo Leonardi, di 61 anni, deceduto in ospedale per un infarto due ore dopo essere stato pestato vicino alla stazione ferroviaria di Acireale.

Il provvedimento restrittivo è stato emesso dalla Procura di Catania e ipotizza il reato di omicidio preterintenzionale aggravato. Secondo le indagini dei carabinieri della compagnia di Acireale, basate sulla visione di immagini di sistemi di videosorveglianza della zona e su ricostruzioni di testimoni, Gromokov avrebbe incontrato fortuitamente la vittima vicino alla stazione ferroviaria di Acireale e lo ha accusato di avere sottratto il portafoglio della sua compagna.

Ne è scaturita una lite durante la quale il 25enne ha colpito con calci e pugni, a più riprese, il 61enne. Subito dopo il russo, la sua fidanzata e un'amica sono saliti su un treno diretto a Messina, da dove hanno poi raggiunto Milazzo, dove i tre sono residenti. Dopo la notifica del fermo della Procura, i carabinieri di Acireale hanno condotto il 25enne nel carcere di Catania.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.