Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 25 giugno 2017

Pubblicato: 16/06/2017

Sotto la mozzarella il nulla

Accordo Ue-Cina: nell'elenco dei 26 prodotti italiani da tutelare quello più meridionale è il formaggio campano. La Via: "E l'arancia e l'olio siciliani?"

CATANIA - “La mozzarella di bufala è il prodotto più a sud inserito tra le 26 indicazioni geografiche italiane da tutelare: ma le eccellenze alimentari non si fermano in Campania”. L’eurodeputato catanese Giovanni La Via esprime il proprio disappunto per l’esclusione dagli accordi bilaterali tra Ue-Cina - ancora in fase di negoziazione - di tante Ig di fatto escluse dall’elenco dei 26 prodotti italiani, sui 100 europei – e altrettanto cinesi – da tutelare, secondo la reciprocità dell’intesa siglata con il Paese asiatico.

“Per questo motivo ho presentato un’interrogazione urgente alla Commissione europea: non possiamo accettare che battaglie importanti condotte in favore di tante produzioni - tra l’altro riconosciute in tutte il mondo – cadano nel nulla. L’accordo - spiega La Via –- avrà un impatto non indifferente in molti settori produttivi europei. Tenuto conto che in Europa il settore agroalimentare gioca un ruolo strategico per l’economia di molti territori, ho chiesto di conoscere quali sono stati i criteri utilizzati per stilare questa lista in di cui non è presente nessuna Igp\Dop siciliana".

La Via attacca: "Dov’è finita l’arancia rossa di Sicilia? Il Doc Sicilia del vino? L’olio Igp Sicilia e le altre Igp e Dop presenti nel ostro territorio e nel Mezzogiorno d’Italia? I produttori e i consumatori attendono risposta”.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.