Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 26 giugno 2017

"A Catania migliaia di posti di lavoro"

Dopo il via libera al Patto il sindaco Bianco annuncia una "nuova fase": "Si comincia con le scuole, nei prossimi mesi partiranno altri cantieri per decine di milioni di euro"

CATANIA - "A un anno dal Patto, i primi cantieri partono, producendo posti di lavoro. Passiamo a una nuova fase: 'Cantiere Catania'". Il sindaco Enzo Bianco si sbilancia dopo il via libera arrivato dal ministro per la Coesione territoriale Claudio De Vincenti ai primi 17 cantieri finanziati con le risorse messe a disposizione dal Patto per Catania.

Saranno interventi di manutenzione per l'adeguamento alla normativa di prevenzione incendi e dunque per la sicurezza degli edifici scolastici: Spesa complessiva cinque milioni di euro. "Tra qualche settimana e nei prossimi mesi - aggiunge Bianco - faremo partire altri lavori per decine di milioni di euro, nei quali saranno impegnate migliaia di persone in un città che è in ginocchio dal punto di vista dell'occupazione. Finalmente un po' di respiro".

Bianco spiega la scelta di partire dalle scuole: "Qui si gioca il futuro di Catania. Siamo a metà giugno, gli istituti si sono appena chiusi e abbiamo aperto i cantieri adesso per consentire che alla ripresa di settembre i lavori siano sostanzialmente già completati. Daremo quindi il minimo disagio possibile agli studenti. Abbiamo scelto un quartiere di periferia che ha mille problemi per dire che noi vogliamo investire soprattutto dove c'è più bisogno, dove Catania con un investimento pubblico può ripartire e rilanciarsi".

L'investimento totale sarà di un miliardo e 772 milioni di euro. Il crono programma degli interventi prevede una spesa di 50 milioni di euro nel secondo semestre del 2017, 450 nel primo semestre 2018, 150 milioni nel secondo semestre 2018 e 650 milioni nel biennio 2019-2020.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.