Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 19 novembre 2017

Il ministro: "Dai Patti ai cantieri: ci siamo"


CATANIA - Il ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti è stato oggi a Catania per firmare i contratti per l'avvio dei primi cantieri finanziati dal 'Patto per Catania'.

"Abbiamo varato il decreto legge per il Mezzogiorno nel consiglio dei ministri di venerdì scorso che contiene interventi importanti per sostenere i nostri giovani che vogliono mettere su impresa qui nel Mezzogiorno - ha detto De Vincenti -, per attirare investimenti delle grandi imprese nel Mezzogiorno e anche per sostenere le piccole imprese. Io credo che sia un provvedimento importante che si inserisce dentro il disegno del masterplan per il Mezzogiorno che abbiamo avviato con il governo Renzi. Lo stiamo portando avanti con il governo Gentiloni".

"Oggi - ha aggiunto De Vincenti - è una giornata bellissima: dai patti ai cantieri. Oggi è una di quelle giornate in cui si vede che quello che abbiamo scritto nei Patti diventano cose che servono ai cittadini, che i cittadini possono vedere con i loro occhi e utilizzare nella loro vita quotidiana".

"Catania ha un ruolo di grande importanza. Il ruolo che le città metropolitane del Mezzogiorno sono chiamate a svolgere nel master plan è un ruolo centrale, un ruolo vivo della democrazia italiana - continua -. Il rapporto tra i sindaci delle città metropolitane, dei comuni delle aree metropolitane e i cittadini è un rapporto decisivo, vitale per costruire il futuro del Mezzogiorno".

"Il governo Gentiloni lavora. Oggi siamo qui con il sindaco Bianco per lavorare. Questo è il dovere del governo. La scadenza della legislatura dipende naturalmente dal Parlamento e soprattutto dal Capo dello Stato. Il governo lavora in ogni caso e lavora per dare al Mezzogiorno una prospettiva di rinascita di medio e lungo periodo", ha detto il ministro a un giornalista che gli ha chiesto se il governo Gentiloni arriverà a fine legislatura.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.