Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 18 ottobre 2017

Botte tra candidati La Vardera e Benigno

Rissa tra Ismaele La Vardera e l'attore Francesco Benigno durante un'intervista. I due finiscono in ospedale
lavardera benigno

PALERMO - E' finita in rissa tra Ismaele La Vardera, candidato a sindaco del movimento Noi con Salvini alle amministrative di domenica scorsa a Palermo, e l'attore Francesco Benigno, tra i protagonisti del film Mary Per Sempre, che era tra i candidati della lista che non ha ottenuto nemmeno quorum. Nella sede elettorale di via Ausonia era in corso un'intervista quando, per cause ancora da accertare, i due sono venuti alle mani.

Ad avere la peggio è stato Lavardera. Il candidato della destra, anche lui con trascorsi nel mondo dello spettacolo come ex inviato della Iene, ha annunciato che, una volta conclusi gli accertamenti medici, presenterà denuncia contro l'attore. I carabinieri del Reparto Radiomobile stanno interrogando i protagonisti della rissa. Secondo una prima ricostruzione il litigio è scoppiato mentre era in corso una intervista televisiva.

Benigno, deluso per il flop come candidato al consiglio comunale di Palermo, aveva apostrofato i suoi mancati elettori definendoli "vergognose bestie". Il post sulla sua pagina Facebook è subito diventato virale. L'attore ha ottenuto solo 147 voti. Pochi rispetto a quelli che si aspettava. Da qui la sua reazione rabbiosa.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.