Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedė, 17 agosto 2017

Tassista abusivo picchiato ad Acireale
stroncato da infarto poche ore dopo

Raid alla stazione ferroviaria: in due pestano il sessantenne accusato di aver rubato il portafogli a una cliente

CATANIA - Un tassista abusivo di 60 anni, Giovanni Leonardi, è morto nell'ospedale S. Marta e S. Venera di Acireale (Catania), colpito da infarto poche ore dopo essere stato malmenato da due uomini che lo avevano accusato di aver rubato il portafogli a una donna che il tassista, lunedì scorso, aveva trasportato sulla sua auto.

E' accaduto ieri e lo scrive stamane il quotidiano 'La Sicilia'. Alla stazione ferroviaria della cittadina, il tassista aveva preso a bordo la donna per condurla in centro, in cambio di pochi euro. Il raid punitivo è avvenuto ieri intorno alle 11, quando la vittima, fuori dalla stazione ferroviaria, sarebbe stata avvicinata dai due uomini e dalla donna.

Condotto in un'area appartata, il tassista sarebbe stato malmenato. L'uomo - stando ad alcune testimonianze - avrebbe negato ogni addebito circa il portafogli. Sulla vicenda indagano i carabinieri, che hanno raccolto diverse testimonianze. Leonardi, nonostante fosse ferito in varie parti del corpo, sarebbe riuscito a salire a bordo della sua Fiat 600 rossa e a rientrare a casa, in via Majorana. A medicargli le ferite sarebbe stata l'anziana madre.

Dopo qualche ora l'uomo sarebbe stato colto da malore. Alle 15 circa il sessantenne ha chiamato il 112 e chiesto l'invio di una ambulanza. Alle 17 la centrale operativa del 118 ha raccolto la telefonata di una donna che chiedeva aiuto per il proprio figlio cardiopatico.

Trasferito all'ospedale, Leonardi è morto poco dopo il ricovero per un doppio infarto. La procura ha disposto l'autopsia. I carabinieri hanno acquisito le immagini del sistema di videosorveglianza della stazione ferroviaria e di un bar. La donna e i due uomini che l'accompagnavano sarebbero saliti su un treno per Messina.




Per commentare l'articolo č necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, č possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso č necessaria la verifica, basterā cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.