Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 28 luglio 2017

Pubblicato: 08/06/2017

"Cuffaro ha ripreso a baciare tutti"

Grillo a Trapani e Palermo per sostenere i sindaci cinquestelle: "In Sicilia avete il germe del tutto e del contrario di tutto. Basti pensare che ci sono due candidati indagati"

PALERMO - "Non si deve fare né spettacolo né campagna elettorale, ma bisogna evocare una seduta spiritica per chiamare i trapanesi di una volta". Così Beppe Grillo, dal palco allestito nella piazza Stazione di Trapani, davanti a 1.500 persone, ha cominciato ieri il suo intervento a sostegno del candidato sindaco Marcello Maltese.

A Trapani i due candidati più forti sono Girolamo Fazio, travolto da un'inchiesta per corruzione e Antonio D'Alì, sotto processo in Cassazione per concorso in associazione mafiosa. Il leader del M5s non ha voluto parlare con i giornalisti. Rivolgendosi ad alcuni cittadini affacciati al balcone ha aggiunto: "Chi dobbiamo evocare? Chi ci guarda dal balcone ma non scenderà mai in piazza?".

Poi Grillo si è spostato a Palermo nel quartiere periferico Zen per una iniziativa a sostegno del candidato sindaco, Ugo Forello. "In Sicilia avete il germe dentro del tutto e del contrario di tutto. Come a Trapani dove ci sono due indagati che sono candidati a sindaco, e allora dico ritiriamo la nostra lista, che cosa ci entriamo noi con questa gente".

"Ci sono due strade, il reddito di cittadinanza e la scuola - ha detto Grillo -. Il reddito di cittadinanza non sono i soldi perché non risolvono la vita delle persone. Gli risolvi la vita psicologica però, gli fai capire che c'è un piccolo pezzo di Stato che li considera e la gente diventa meravigliosa".

Poi una frecciata sull'ex governatore della Sicilia, Totò Cuffaro, che sta sostenendo il candidato sindaco Fabrizio Ferrandelli: "Cuffaro nei bar ha ricominciato a baciare tutti. E' rifatto grasso. Povero, mi fa tenerezza perché ha fatto la galera, è stato l'unico... io lo voglio baciare".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.