Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 26 giugno 2017

Pubblicato: 06/06/2017

Palermo, attivo piano emergenza caldo

Nuccio Sciacca / 
Il 30 giugno giornata di informazione sulla prevenzione delle patologie legate alle alte temperature

E' entrato in funzione il 1° giugno il "Piano sull’emergenza caldo" realizzato dall’Asp di Palermo. Sono previsti interventi rivolti, soprattutto, alle categorie maggiormente a rischio in occasione delle ondate di calore, e cioè i bambini fino a 4 anni di età e gli anziani che più degli altri posseggono un carente sistema di termoregolazione e una minore capacità di manifestare e provvedere ai propri bisogni.

L’Asp ha trasmesso (su supporto informatico) ai medici di medicina generale l’elenco elaborato dall’Assessorato regionale della Salute (Dasoe) dei soggetti fragili. Predisposto un "servizio di allerta" per gli anziani già in Assistenza Domiciliare Integrata (Adi) e per i pazienti "fragili" segnalati direttamente dai medici di medicina generale a una "Centrale operativa".

In pratica, i medici di famiglia dopo avere visitato il paziente, potranno allertare direttamente la "Centrale operativa del servizio" per richiedere, qualora ve ne fosse bisogno, l’impiego di infermieri professionali per terapie di reidratazione urgente a domicilio. I numeri di telefono dedicati, sono a uso esclusivo dei medici di medicina generale che, già, sono stati informati del piano di emergenza caldo.

Realizzate inoltre brochure, locandine e 50 mila ventagli che riportano indicazioni sulle misure di prevenzione da adottare per fronteggiare eventualmente le alte temperature. Il materiale informativo - contenente numeri di telefono da contattare, consigli facili da ricordare e di immediata applicabilità - è in distribuzione nei Poliambulatori, Pta, Unità Valutative, Consultori, Farmacie e studi medici. Il prossimo 30 giugno è stata prevista, in ogni Pta e Distretto dell’Asp di Palermo, una giornata dedicata alla prevenzione degli effetti del caldo sulla salute.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.