Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 21 novembre 2017

Pubblicato: 03/06/2017

MaturitÓ 2017, povero Novecento

Skuola.net: gran parte degli studenti agli esami senza conoscere bene la storia dalla Seconda guerra mondiale in poi

ROMA - Gran parte dei maturandi affronterà gli esami senza una precisa conoscenza della storia del Novecento dalla Seconda guerra Mondiale in poi: solo poco più della metà finirà di studiare gli avvenimenti del secolo. E' quanto rileva il sito specializzato Skuola.net spiegando che alla prima prova, appena un candidato su 10 tenterà la carta tema storico.

E per Italiano non va tanto meglio. Il 43% dei maturandi, infatti, alla vigilia degli esami, racconta (mille interviste del sito) di non aver finito il programma di storia in classe: il 24% farà forse in tempo ad arrivare alla Seconda Guerra Mondiale, il 10% si fermerà al periodo compreso tra i due grandi conflitti del Novecento e addirittura il 9% non è arrivato a finire neanche la Prima Guerra Mondiale. Solo il 57%, quindi, ha le carte in regola. La conseguenza è che la maggior parte dei ragazzi non ha intenzione di cimentarsi con il tema storico durante la prima prova di maturità.

Il Miur, infatti, negli ultimi anni ha dimostrato particolare sensibilità per la storia recente: il voto alle donne, l'Europa, i paesi Brics sono solo alcuni esempi. E poi ci sono i personaggi simbolo, già oggetto di tracce per il saggio breve, come Kennedy, Aldo Moro, Giovanni Paolo II.

Ma 3 maturandi su 5 già sanno che scarteranno a priori l'opzione: il 28% perché gli argomenti sono tradizionalmente troppo difficili, il 26% perché l'analisi del testo o il saggio breve sono comunque più facili, il 5% proprio perché gli spunti proposti sono quasi sempre fuori programma. E poi c'è un 31% che è intenzionato a svolgerlo, ma solo se conoscerà l'argomento. Solo 1 studente su 10 è pronto ad affrontare la traccia di storia.

Ma c'è chi corre ai ripari. Il 35% studierà la parte mancante della storia recente da solo: il 18% in vista di una possibile traccia, il 17% banalmente perché gli piace. Un altro 17% ha potuto conoscere molti avvenimenti grazie a programmi televisivi, fiction, video su Internet e documentari. C'è poi un 23% che cercherà di recuperare con letture aggiuntive assegnate dai prof per non arrivare totalmente privi di informazioni al momento cruciale.

E per Italiano? Non va molto meglio: 1 su 3 non ha ancora superato gli autori del periodo tra le due guerre mondiali, circa 2 su 5 stanno affrontando ora - a pochi giorni dalla fine della scuola - la letteratura dell'ultima metà del XX secolo. Solo il 28% ha finito il programma e sta ripassando. Eppure per la traccia di tipologia A (l'analisi del testo) sono stati proposti, soprattutto negli ultimissimi anni, autori abbastanza recenti: Magris, Calvino ed Eco sono tre esempi.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.