Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 24 novembre 2017

Pubblicato: 23/05/2017

Catania, droga nel negozio di mobili

Blitz a San Cristoforo: sequestrati marijuana, hashish e cocaina per mezzo milione di euro

CATANIA - Duro colpo inferto la scorsa notte dai carabinieri di Catania ai clan che controllano il traffico e lo smercio al minuto di droga nel popoloso quartiere di San Cristoforo.

In manette è finito il pregiudicato catanese Mario Guglielmino, 50 anni. Il suo negozio di mobili di via Della Concordia utilizzato come copertura per i suoi loschi traffici non ha mai convinto gli investigatori che da alcuni giorni lo monitoravano fino a giungere ieri sera alla decisione di fare irruzione nell’esercizio commerciale.

Perquisendo il negozio i militari, all’interno di uno sgabuzzino, celata da mobili e scatoloni, hanno trovato e sequestrato circa 15 kg di marijuana, un chilo e mezzo di hashish, 250 grammi di cocaina e il materiale utilizzato per il taglio e il dosaggio della droga. Durante la perquisizione della casa di Guglielmino, a poca distanza dal negozio, sono stati trovati altri 14 Kg di marijuana.

Con questo sequestro i carabinieri sono riusciti . calcolando le fasi di lavorazione e trasformazione degli stupefacenti nelle dosi finali da piazzare al dettaglio - a sottrarre dalle casse della criminalità organizzata una cifra vicina ai 500.000 euro. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.