Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 23 maggio 2017

Pubblicato: 18/05/2017

Bufardeci condannato in appello

Palermo: dovrÓ restituire 59 mila euro per le spese "pazze" del gruppo parlamentare "Grande Sud" dell'Ars, secondo il collegio utilizzate per finalitÓ non istituzionali

PALERMO - I giudici dell'appello della Corte dei Conti presieduta da Giovanni Coppola (consiglieri VincenzoLo Presti, Tommaso Brancato, Valter Del Rosario, Guido Petrigni) hanno condannato Giambattista Bufardeci al pagamento di 59 mila euro per le spese del gruppo parlamentare "Grande Sud" dell'Assemblea regionale siciliana (Ars), ritenute dal collegio utilizzate per finalità non istituzionali.

Bufardeci aveva ricoperto l'incarico di presidente del gruppo dal 16 febbraio 2011 al 4 dicembre 2012.

L'esponente politico del centro destra era stato condannato in primo grado dai giudici contabili a restituire all'Ars 65 mila euro (la richiesta della procura era di 71 mila euro) ma in secondo grado è arrivato uno sconto.

All'ex presidente vengono contestate le spese di rimborso per missioni, alberghi, ristoranti e taxi"; rimborsi agli onorevoli Michele Cimino, Carmelo Incardona e Franco Mineo, e consumazioni al bar-buvette dell'Ars.








Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.