I dirigenti Stm provocano, è sciopero" /> I dirigenti Stm provocano, è sciopero"> "Nessuno vi obbliga a stare qui"<br> I dirigenti Stm provocano, è sciopero
Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 23 maggio 2017

"Nessuno vi obbliga a stare qui"
I dirigenti Stm provocano, è sciopero

Catania. Quattro ore di stop nel fine settimana: "In un incontro ci hanno detto 'Nel contratto non c'è scritto che vi faremo felici'"

CATANIA - La rappresentanza sindacale unitaria di Stm ha deciso di proclamare uno sciopero di quattro ore in questo fine settimana nello stabilimento di Catania per "rispondere all'incomprensibile atteggiamento di chiusura dell'azienda e alle provocazioni di alcuni dirigenti".

E' quanto si legge in una nota dell'Uilm, secondo cui i dirigenti "nel corso di alcuni incontri pubblici con i dipendenti hanno affermato: 'nessuno ci obbliga con un insediamento industriale a Catania e nessuno vi obbliga a stare qua dentro, nel contratto non c'è scritto vi faremo felici'".

L'astensione interesserà gli ultimi turni di fabbrica da domani a domenica. Le segreterie di Uil e Uilm Catania, che hanno già denunciato i comportamenti del management catanese di Stm, sostengono l'iniziativa delle Rsu.

"Troppi - aggiunge la nota - i problemi irrisolti, che attengono anche alla sicurezza dei lavoratori: risale appena al 9 maggio l'ultimo incidente di rilievo nello stabilimento che ha visto coinvolti due dipendenti. A seguito di questo episodio, i rappresentanti sindacali hanno chiesto inutilmente un incontro immediato con i vertici aziendali per capire le cause dell'accaduto e cosa si stesse facendo per evitare il ripetersi dell'evento".

"Ad oggi - affermano i sindacati - l'unica risposta è contenuta in una breve e per nulla esaustiva e-mail. Il silenzio aziendale, le tardive e inadeguate risposte su molte questioni ed eventi compreso quello del 9 maggio, non può e non deve passare inosservato".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.