Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 26 giugno 2017

Asp Siracusa, protocollo per prevenire incidenti sul lavoro

Nuccio Sciacca / 
Riguarderà il settore edilizio dove è più alto il numero di infortuni

Il Servizio di Prevenzione e Sicurezza negli ambienti di lavoro dell’Asp di Siracusa (Spresal) e il Comitato Paritetico Territoriale (Cpt), Organismo istituito nel settore edile dall'associazione datoriale Ance e dalle organizzazioni sindacali di categoria Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil, d’ora in poi attueranno una collaborazione tecnico-scientifica stabile, con azioni sinergiche e coordinate, finalizzata allo svolgimento di una comune attività di prevenzione contro gli infortuni sul lavoro nel settore edilizio, nella distinzione dei rispettivi ruoli operativi e tra l’impegno di consulenza del Cpt e quello di vigilanza antifortunistica dello Spresal.

Con questo obiettivo, il direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Brugaletta e il presidente del Cpt Alberto Di Stefano hanno sottoscritto un protocollo d’intesa, della durata di tre anni, con l’intento di continuare a dare attuazione e di rilanciare territorialmente i contenuti del protocollo d'intesa siglato nel 2011 tra l’Assessorato regionale della Salute e il Coordinamento regionale dei Cpt della Sicilia. L’intesa è stata firmata anche dal direttore dello Spresal Maria Alba Spadafora e dal vicepresidente del Cpt Salvatore Carnevale.

Cpt e Spresal realizzeranno in collaborazione azioni di promozione della prevenzione della salute e sicurezza in edilizia attraverso seminari di approfondimento tecnico e di aggiornamento normativo rivolti alle imprese ed ai soggetti che a qualsiasi titolo si occupano della materia, il primo dei quali è già stato programmato per il prossimo 6 giugno nella sala conferenze del Cpt in viale Ermocrate, nonché sessioni formative ed informative rivolte ai lavoratori delle imprese edili finalizzate a favorire comportamenti lavorativi eticamente corretti.

Saranno attuate congiuntamente, inoltre, campagne di sensibilizzazione in materia di sicurezza sul lavoro in edilizia rivolte anche all’ambito scolastico; formazione specialistica finalizzata a favorire l'applicazione corretta da parte delle imprese e dei committenti, per quanto di competenza, delle misure di prevenzione e protezione in attività caratterizzate da elevata complessità organizzativa; azioni mirate a favorire l'adozione e l'efficace attuazione da parte delle imprese dei modelli di organizzazione e gestione della sicurezza di cui all'art. 30 del D.Lgs. 81/08, quale strumento idoneo al controllo di rischi aziendali e migliorativo rispetto a quanto di importante previsto dalla norma.

Nel protocollo, inoltre, è previsto, allo scopo di migliorare le azioni sinergiche, lo scambio reciproco dei flussi informativi sui cantieri visitati, la trasmissione annuale da parte del Cpt allo Spresal di una relazione contenente i dati statistici sulle criticità in materia di sicurezza maggiormente riscontrate durante le visite di consulenza effettuate nei cantieri edili della provincia.

"Con la sottoscrizione di questo protocollo – ha sottolineato il direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Brugaletta – si crea una alleanza importante tra pubblico e privato che si muove nell’ottica del cambiamento culturale che sta alla base della sicurezza sul lavoro, nel caso specifico, nel settore dell’edilizia che, assieme a quello dell’agricoltura, rappresenta ancora oggi il settore in cui si verifica a livello nazionale il maggior numero di infortuni sul lavoro. Sono certo che la sinergia di interventi, nel rispetto dei reciproci ruoli e competenze, apporterà un miglioramento delle condizioni di lavoro a favore di tutte le figure coinvolte che si traduce in una riduzione degli incidenti a volte, purtroppo, anche mortali". 




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.